Richiedi informazioni
Nome completo*
E-mail*
La tua richiesta *
Creando un account accetti i nostri Termini di servizio e Dichiarazione sulla privacy.
Please agree to all the terms and conditions before proceeding to the next step
Aggiungi alla Wish List

Adding item to wishlist requires an account

1897

Magica Lessinia: il Rifugio Lausen

0
  • Il museo e il Covolo di Camposilvano
  • Valle delle Sfingi
  • Rifugio Lausen

Sul territorio veronese il Parco Naturale Regionale della Lessinia è annoverato come un vero e proprio paradiso naturale, situato tra la città di Verona, il Monte Baldo e le Piccole Dolomiti.
Numerosi sono i sentieri da poter percorrere, ne abbiamo scelto uno da presentarvi oggi.

Gallery
Itinerario

1ª tappaIL MUSEO E IL COVOLO DI CAMPOSILVANO

L’escursione ha inizio a partire dal borgo di Camposilvano, frazione di Velo Veronese famosa per il Museo Geopaleontologico e per il Covolo.
Il museo offre ai visitatori la possibilità di scoprire i segreti della Terra, ripercorrendo la sua evoluzione grazie ad una ricca collezione di reperti fossili e archeologici. Il biglietto permette di visitare anche il Covolo: si tratta di un’ampia cavità di forma ellissoidale, nata a causa di una serie di crolli e profonda circa 70 mt.
Una delle caratteristiche più interessanti della grotta riguarda i fenomeni meteorologici che vi hanno luogo. È già capitato infatti di vedere ghiaccio e pioggia anche durante l’estate a causa di un dislivello termico che produce nubi e umidità.
Inoltre, il ghiaccio che si forma d’inverno permane anche d’estate, motivo per cui gli abitanti della zona in passato hanno spesso utilizzato il Covolo come frigorifero naturale.

2ª tappaVALLE DELLE SFINGI

Terminata la prima tappa, si prosegue per il principale abitato di Camposilvano. Una volta risalita per alcune centinaia di metri la strada asfaltata in direzione Parparo si svolterà a destra per raggiungere la Valle delle Sfingi, così definita per i monoliti di rocce rosso ammonitico dalla forma di fungo, che ricordano le sfingi egizie.
Si tratta di una piccola valle sviluppatasi da nord-est a sud-ovest dove sarà appunto possibile ammirare queste rocce, le cui forme prendono origine dall’erosione che gli agenti atmosferici hanno esercitato nel tempo sulle litologie calcaree.

3ª tappaRIFUGIO LAUSEN

Da questo momento in poi basterà seguire le indicazioni e ammirare il paesaggio circostante: la neve renderà il tutto magico e surreale.
In cimbro “casa dei buoi”, il Rifugio Lausen è stato ristrutturato nel 2017 rispettando le sue antiche origini e nella stagione invernale rimane aperto solo nel weekend. Siamo a 1200 mt e da qui sarà possibile godere di una vista mozzafiato che va dalla Pianura Padana fino agli appennini.
La cucina del Rifugio Lausen è molto semplice e genuina: sul menù sono presenti piatti trentini e proposte tradizionali della Lessinia, come canederli, polenta e coniglio, crauti, sbrisolona e torta di mele.
Sarà inoltre possibile fermarsi anche per la notte: il rifugio dispone di 22 posti letto e di camere con bagno privato. Si dice che da quassù il cielo notturno sia spettacolare!

10 viaggiatori stanno considerando questo tour!
Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o disattivarli in impostazioni della privacy .
AccettoImpostazioni della privacy

GDPR

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza.

La seguente informativa ti consente di esprimere le tue preferenze di consenso alle tecnologie di tracciamento che adottiamo per offrire le funzionalità e svolgere le attività sotto descritte. Per ottenere ulteriori informazioni in merito all’utilità e al funzionamento di tali strumenti di tracciamento, fai riferimento alla privacy policy. Puoi rivedere e modificare le tue scelte in qualsiasi momento.

Leggi l’informativa completa